I 50 ANNI DEL VIADOTTO SUL POLCEVERA IL “PONTE MORANDI” BREVE STORIA DEL VIADOTTO SUL FIUME POLCEVERA IL PONTE MORANDI

Scrivendo questo articolo vogliamo solo ricordare a livello storico cosa ha caratterizzato in questi anni il Viadotto sul Polcevera, il ponte Morandi.

Il 9 luglio 1959 l’ANAS bandì un concorso per la progettazione e la costruzione di un collegamento tra la futura che dovrà nascere, autostrada Genova-Savona (A10) e la Genova-Milano (A7).

Tale progetto era difficoltoso,  per la necessità di superare i due grandi parchi ferroviari, il torrente e le aree già costruite di Sampierdarena e Cornigliano senza creare eccessivi ingombri a terra (ivi compresa la fase di costruzione) e senza impegnare una superficie troppo estesa per installare i piloni.

Tra coloro che risposero all’appalto-concorso vi fu la Società Italiana per Condotte d’Acqua, che coinvolse l’ingegner Riccardo Morandi, infatti la sua proposta, che adattava soluzioni tecniche innovative già da lui sperimentate in precedenza, risultò infine vincitrice.

La costruzione venne quindi appaltata alla società Condotte, che avviò i lavori nel 1963.

Il sorgere della nuova infrastruttura generò un diffuso entusiasmo nella stampa e nell’opinione pubblica italiana.  “La Domenica del Corriere” del 1º marzo 1964,  ritraeva un disegno del ponte sul Polcevera corredato dal titolo Genova risolve il problema del traffico.

“La Domenica del Corriere” del 1º marzo 1964

Anche il soprannome di “Ponte di Brooklyn”, affibbiato all’opera nella cultura popolare, denota l’impatto che il viadotto aveva nell’immaginario sociale dell’epoca, per quanto esso differisse sostanzialmente dal ponte di New York.

 

 

Il cantiere terminò il 31 luglio 1967.

L’inaugurazione si celebrò il successivo 4 settembre alla presenza del Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat, che lo definì «un’opera ardita e immensa», con particolare riferimento alla campata lunga 210 metri e compresa fra le pile 10 e 11, che era la più estesa d’Europa e la seconda del mondo.

Il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat all’inaugurazione del Ponte Morandi

Morandi optò per una struttura strallata in cemento armato e cemento armato precompresso, con cavalletti bilanciati e stralli omogeneizzati: questi ultimi  con una tecnica innovativa a livello mondiale ideata e brevettata da Morandi.

L’opera, nel corso degli anni è divenuta oggetto di controversie perchè erano rivestiti in calcestruzzo precompresso, allo scopo  di proteggere la struttura dagli agenti atmosferici.

Tale soluzione costruttiva aveva fruttato grande fama al progettista, nei primi anni sessanta le strutture edilizie a telaio intrecciato erano considerate fra le più moderne, versatili e affidabili.

Nel progetto del viadotto genovese, Morandi riprese quanto da lui precedentemente studiato per il ponte General Rafael Urdaneta sorto nei pressi di Maracaibo, in Venezuela dove i concetti-base della progettazione dei due viadotti in questione vennero poi ulteriormente replicati nella costruzione del ponte sul Wadi al Kuf in Libia, Pumarejo in Colombia, Viadotto Ansa del Tevere di Roma e del Viadotto Carpineto a Potenza.

Era risultata un’opera innovativa e imponente, articolata in undici campate, lunga 1 102 metri, con un piano stradale largo 18 metri (capace di una carreggiata a quattro corsie) corrente ad un’altezza massima pari a circa 45 metri dal suolo; le antenne di sostegno degli stralli erano invece alte 90 metri.

Elementi strutturali del Ponte Morandi
Elementi strutturali del viadotto Polcevera (pila 9 in primo piano e pila 8 a sinistra).

In corrispondenza delle campate di maggior luce, la porzione di struttura più caratteristica del viadotto era costituita da tre cavalletti cementizi bilanciati “omogeneizzati” (denominazione questa data da Morandi) che reggevano due coppie di stralli  ciascuno.

Ciascun cavalletto bilanciato era costituito da due distinte strutture: una prima, a forma di quadrupla H (in giallo nello schema sopra), che aveva il compito di allargare la zona centrale ove poggiava la trave a 5 cassoni dell’impalcato stradale (due appoggi a circa 41 metri di distanza, in verde nello schema) e una seconda struttura a forma di doppia A, alta 90 metri e completamente slegata dalla precedente, con il compito di sostenere gli stralli che reggevano le estremità del cavalletto bilanciato, distanti circa 150m fra loro (in rosso nello schema).

Ogni strallo era composto da 352 trefoli (passanti su una sella in testa all’antenna) pretesati in acciaio ad altissima resistenza, del diametro ciascuno di 1/2 pollice (12,7 mm) oltre a ulteriori 113 per la precompressione della guaina protettiva in calcestruzzo e collaboranti.

Si noti che durante la costruzione, prima e durante l’installazione degli stralli, l’impalcato a sbalzo (in verde nello schema) era retto da appositi cavi provvisionali tesati, correnti a circa 2 m sopra l’impalcato stesso, poi rimossi a costruzione ultimata.

Inoltre, nella zona centrale, l’impalcato non appoggiava sulla struttura ad A, ma solo su quella ad H, configurando pertanto uno schema statico su 4 appoggi.

Tale configurazione strutturale aveva consentito di coprire con ciascun cavalletto bilanciato “omogeneizzato” una luce di oltre 200 metri, senza interferire in alcun modo, neanche in fase di costruzione, con aree sottostanti.

La rimanente porzione del viadotto, che si estendeva verso ovest oltre il letto del Polcevera, adottava sei cavalletti a “V” in cemento armato ordinario (in viola nello schema) e una pila verticale all’estremità ovest, tutte separate da luci minori rispetto alla sezione strallata. L’obiettivo di siffatte soluzioni era quello di ridurre al minimo la porzione di suolo occupata dai sostegni, in quanto già negli anni sessanta la zona risultava fittamente edificata e infrastrutturata.

Ogni pila di sostegno reggeva dunque una propria porzione equilibrata e monolitica di impalcato stradale (in verde e in azzurro nello schema) e ai due estremi forniva l’appoggio per due ulteriori porzioni di “impalcato tampone” (in blu nello schema), costituite ciascuna da sei travi prefabbricate di raccordo lunghe 36 metri, in calcestruzzo precompresso, semplicemente appoggiate agli sbalzi adiacenti.

Tale conformazione a elementi autonomi evitava il trasmettersi di deformazioni e tensioni parassite fra una porzione e l’altra del viadotto, ed ha evitato che il crollo della pila 9 avvenuto il 14 agosto 2018 trascinasse con sé le altre porzioni di ponte, che rimanendo in piedi garantirono l’evacuazione.

Le pile 8 e 10 sono risultate alleggerite, dopo il crollo, di parte dei carichi trasmessi dagli impalcati adiacenti, e pertanto non più perfettamente equilibrate come previsto dal progetto.

Ciascuna pila era fondata su una spessa platea seminterrata in calcestruzzo armato, a sua volta poggiante su una numerosa serie di pozzi in calcestruzzo trivellati nel fondovalle profondi fino a 50 m, per superare gli strati alluvionali e raggiungere il sottostante strato roccioso.

Il progetto di Morandi comprendeva anche le rampe di svincolo sul lato est del viadotto principale, delle quali le più significative erano quelle da e per la direzione nord: in particolare la rampa in direzione Milano è costituita da un impalcato elicoidale monolitico con travi a cassone curvilinee, con un raggio in mezzeria pari a 45 metri ed un’altezza massima di 39 metri.

Il Ponte morandi in costruzione

Alle ore 11:36 del 14 agosto 2018 la sezione del ponte che sovrasta la zona fluviale e industriale di Sampierdarena, lunga 250 metri, è improvvisamente crollata insieme al pilone di sostegno numero 9, provocando 43 vittime tra le persone a bordo dei mezzi che transitavano sul ponte e tra gli operai al lavoro nella sottostante isola ecologica dell’AMIU, l’azienda municipalizzata per la raccolta dei rifiuti.

Il crollo del ponte ha determinato il blocco del raccordo fra A7 e A10 e di numerose strade sottostanti, oltre che della linea ferroviaria di raccordo con il porto, nonché la necessità di evacuare per motivi precauzionali 566 persone residenti nelle case presenti sotto il pilone n. 10.

La storia del Viadotto sul Polcevera finisce definitivamente Il 28 giugno 2019, alle 9:37, sono state demolite le parti più caratteristiche ed iconiche del ponte, cioè le pile strallate 10 e 11 della porzione est, nonché la rampa di raccordo a cantilever Milano-Ventimiglia, facendole implodere con cariche di dinamite.

Preventivamente erano anche stati demoliti i condomini sottostanti il ponte.

Definirlo “maledetto” non mi sembra un aggettivo degno di questo ponte.
Quanti di voi sono passati per le vacanze?
Quanti di voi hanno ammirato il paesaggio mentre passavano su questo ponte?
Quanti ricordi!!!
Non possiamo definirlo “maledetto” ma sono le persone che nel corso del tempo dovevano curarne la manutenzione ordinaria e straordinaria, e noi continuavamo a godere di questa struttura.
Ma ormai fa parte della storia.

PER NON DIMENTICARE

 

Share Button

SERGIO MARCHIONNE IL MANAGER CHE SALVO’ LA FIAT BREVE BIOGRAFIA DEL MANAGER SERGIO MARCHIONNE

Classe 1952, Sergio Marchionne è originario di Chieti, dov’è nato il 17 giugno.

I genitori di Sergio, già da quando era piccolo, hanno cercato di insegnargli il rispetto verso il prossimo, un’educazione rigida data anche dal padre di Marchionne che era un maresciallo dei Carabinieri che per anni ha lavorato in Istria. Proprio lì ha conosciuto la moglie, d’origine veneta-istriana da cui nacque appunto Sergio.

Nella storia della sua famiglia ci sono due tragici avvenimenti: il primo riguarda il nonno materno che negli anni ’40 venne sequestrato e gettato in una foibe, il secondo riguarda un suo zio ucciso da mani tedesche che l’aveva scambiato per un partigiano o un disertore.

Dopo questi due avvenimenti i genitori di Sergio decisero di lasciare Istria e di trasferirsi a Chieti, per avere anche un futuro più tranquillo non solo per loro ma anche per i suoi figli.

All’età di 14 anni, inoltre, Sergio insieme alla sua famiglia lasciò l’Italia per trasferirsi in America, precisamente in Canada, dove si trovava anche una sorella della mamma Maria.

La grande passione nel voler esplorare il mondo, di conoscere persone e cose nuove, nacque proprio grazie a tutte le esperienze che i genitori gli hanno fatto vivere e soprattutto per il fatto di essersi dovuto ricostruire delle amicizie dopo aver lasciato l’Italia.

Sergio Marchionne, in Canada,  decide di iscriversi all’università per frequentare il corso di filosofia, e successivamente decide di prendere una seconda laurea in legge.

La vita privata di Sergio Marchionne forse è l’unico suo aspetto di cui non abbiamo tantissime informazioni.

Sappiamo che si è sposato la primissima volta con la moglie Orlandina da cui ha avuto anche due splendidi figli: Alessio Giacomo e Jonathan Tyler sono i figli di Sergio Marchionne.

Il 26 Giugno 2018, Sergio Marchionne fa la sua ultima apparizione in pubblico, a Roma, presenziando alla consegna di una “Jeep Wrangler”all’ Arma dei Carabinieri quasi un ritorno alle origini paterne e un ultimo saluto.

Il giorno dopo viene ricoverato in una clinica universitaria di Zurigo, la Universitätsspital per problemi di salute.

Il suo stato di salute peggiora a tal punto che il 25 Luglio 2018 il nostro manager ci lascia.

Al suo posto prenderà il posto Michael  Manley nuovo AD di FCA.

Sergio Marchionne ha lasciato un segno indelebile nella storia della Fiat, dal suo rinnovamento e alla sua espansione a livello globale.

 

Share Button

MARKETING GENIUS DI MATTEO PITTALUGA ALL’INTERNO DEL “GRUPPOVINTAGE” L'ARTICOLO SPIEGA I MOTIVI DI QUESTA INIZIATIVA DAL RESPONSABILE DEL BRAND "WEB DEVELOPMENT"

Il “Gruppo Vintage” chiamato così da quest’anno, prima denominato “Vintage Group” leader nazionale per quanto riguarda il motorismo storico, prima affiliato al Registro Fiat con compiti di rivalutazione del Registro stesso dal 2012, il Gruppo, ha dovuto attuare diverse strategie per stare al passo con i tempi e,  ha intrapreso la strada del marketing e dei servizi alle imprese on Line, il servizio prima veniva soltanto offerto ai Soci del Gruppo.

“Una scelta obbligata, concorata e ragionata con i nostri Soci, veri “padroni” dell’Associazione.

In questi anni ci siamo fatti conoscere persino dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri per la pubblicazione “25 Febbraio 1917” dedicato ai Carabinieri Ausiliari ma la gente comune ci stava abbandonando…

Nel Consiglio Direttivo di fine Marzo i nostri Soci hanno temuto il peggio, il cambiamento della denominazione voluto dal Direttivo del Gruppo: “Vintage-Agency” dove i nostri Soci potranno sempre chiedere servizi di burocrazia, certificazioni di identità e tutto ciò che riguarda l’auto storica, poi abbiamo “Vintage-Brasil” dove i nostri fiduciari brasiliani ci danno una mano in termini logistici, “Michelemoraglio” che è il Blog ufficiale del Gruppo dove i nostri Soci, muniti di numero identificativo, possono scaricarsi le varie circolari e manifestazioni che facciamo durante l’anno solare, le persone che visitano il blog non possono visionarle in quanto sono private e solo per i nostri Soci ma possono leggere tutto il resto, poi abbiamo “Web Development” presente qua sul blog in una finestra apposita e la pagina fan su Facebook che tratta solo ed esclusivamente lavori via web e affiliate marketing e servizi alle imprese sia online che offline.

Per fare tutto ciò bisogna avere la preparazione, in internet non si può improvvisare ma bisogna continuare a studiare e impegnarsi per avere risultati concreti.

Abbiamo girato e navigato per trovare un corso dedicato a questo: poi per caso una sera mi appare il sito di Matteo Pittaluga: Marketing Genius”.

A differenza degli altri che promettono guadagni elevati (a cui il sottoscritto non fregava niente) lui si è focalizzato sul corso che è quello che mi interessava.

Ho acquistato il corso denominato “ALLIN” è attuando le strategie di Matteo cominciamo a vedere i risultati: molte imprese ci hanno chiamato, e tutt’ora ci chiamano per consulenza, funziona anche bene la parte di marketing all’interno della pagina fan di Facebook.

Forniamo, inoltre, una vetrina con prodotti del tipo cialde per il caffè espresso, agenzia di viaggi, e ricambi per auto e cambio gomme pensando anche ai nostri Soci e collezionisti.

Attualmente il nostro Gruppo riunisce diverse Associazioni sparse in tutta Italia tra cui: “Caffè 58″ di Simona Razzetti bar  dedicato a Marco Simoncelli frequentato soprattutto da centauri di tutte le età (al fondo del nostro blog appare il logo autorizzato sia da Simona che dalla Fondazione Simoncelli), abbiamo anche i Registri Storici di Marca e non solo più Fiat, Associazione Tutela Patrimonio Motoristico dell’ Ing. Carlo Negri e Solo Cuore e Carburatore di Roberto Romeo e da ora anche marketing Genius di Matteo Pittaluga.”

 

 

 

 

 

Share Button

IL “GRUPPO VINTAGE” E LA SUA TRASFORMAZIONE IN CORSO L'ARTICOLO DESCRIVE IL CAMBIAMENTO DEL "GRUPPO VINTAGE"

Il “Gruppo Vintage” e la sua trasformazione.

In questo periodo una forte trasformazione si sta attuando nel Gruppo, la prima sta nella sua denominazione da “Vintage Group” durante l’anno solare sarà “Vintagegroup” e a partire dal nuovo anno cioè nel 2019 si chiamerà “Gruppo Vintage”.

Il perchè c’è lo spiega il responsabile Relazioni esterne del Gruppo  uscente perchè da inizio mese di Aprile, cioè dopo il Consiglio Generale dei Soci che deve ratificare questi cambiamenti importanti prenderà la carica di responsabile del brand “Web Development”.

 “Ho dovuto assolutamente attuare questa procedura per rimanere sul mercato odierno, questa trasformazione ci farà spendere molti soldi ma stiamo attuando strategie di marketing, collaborazioni future attraverso il brand “Web Development” marchio nato circa un anno fa ma già ci sta dando risultati ma ancora molto pochi rispetto alle aspettative”.

Una novità interessante che il brand potrà lavorare con i liberi professionisti e con le piccole e medie imprese “Stiamo accendendo la Partita IVA e solo questo brand potrà collaborare con l’esterno mentre gli altri marchi solo ed esclusivamente con i nostri Soci, non possiamo più operare in regime di esclusività dei Soci ma anche con persone che richiedono i nostri servizi che abbiamo sempre attuato internamente, praticamente la nostra esperienza di oltre vent’anni la mettiamo a favore di imprenditori e liberi professionisti”.

Prossimamente nuove figure amministreranno questo sito/blog del Gruppo ma ne parleremo più avanti.

“Stiamo procedendo molto cauti e con degli obbiettivi ben precisi e raffinati cosicchè durante il Consiglio parlerò direttamente ai Soci e li tranquilizzerò sul fatto di cambiare totalmente l’associazione ma questo non avverrà anche in virtù del fatto che abbiamo uno Statuto Sociale da rispettare e su alcuni punti dovremo cambiarlo ma non rivoluzionarlo”.

“Sono decisioni importanti ma è un passo che dobbiamo attuare “O così O chiudiamo definitivamente”.

 

Share Button

I CORSI DI RESTAURO DI AUTO D’ EPOCA VISTI DALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE L' ARTICOLO SPIEGA COSA SONO I CORSI DI RESTAURO PER AUTO D'EPOCA

In questo articolo vorrei soffermarmi, riguardo alle notizie che ho letto in questi giorni, riguardo ai tanto “elogiati” corsi di restauro di auto d’ epoca riservati ai giovani.

Sono corsi di formazione teorici e pratici, quindi un giovane o più giovani vanno a “formarsi” presso un’artigiano di settore.

La mia domanda è questa, ma…quanti ne sono rimasti qua in Italia?

Lo scrivente, mentre leggeva i vari articoli sulle riviste specializzate, sorrideva in quanto questi corsi li lanciai io nel 1997 ma nessuno ne tenne conto neanche i Registri di marca dei corsi di restauro per auto d’ epoca.

Mi viene da sorridere anche in virtù del fatto che son stati chiamati nomi eccellenti del design, artigiani e altri che non sto a menzionare ma mai nessuno della nostra associazione che partecipasse ai corsi di restauro per auto d’ epoca.

Ricordiamo  che lo scrivente è specializzato in restauro per Fiat “Nuova 500” conosce e riconosce i vari modelli presso la sede sono presenti documenti che vanno dalle caratteristiche tecniche alle caratteristiche di tonalità di carrozzeria con gli interni le varie annate ma non essendo “amici” di nessuno ci hanno tagliati fuori.

Comunque riguardo alle polemiche e quindi viva la democrazia i “Professori” illudono le nuove generazioni riguardo ad un mercato che qua in Italia è sempre più in crisi e lo dimostrano le cifre riguardanti le collaborazioni e le consulenze riguardo al settore in netta perdita rispetto allo scorso anno.

Questa associazione ha dovuto optare verso altre strade di consulenza e fare forti investimenti per stare ancora sul mercato di queste auto, un altro avrebbe scelto l’amara strada della chiusura.

L’associazione Patrimonio motoristico di Carlo Negri ne è un esempio: i suoi associati sulla loro pagina dedicata su FB riportano foto con bisarche cariche di auto storiche che oltrepassano i confini nazionali quindi come si fa a parlare di ripresa del settore?

Non ci hanno chiamato ne il sottoscritto ne tantomeno l’ Associazione di Carlo Negri perché, forse, diciamo la verità?

L’ingegnere Carlo Negri si sta occupando della Tassa di possesso delle ventennali rimessa dal Governo tempo fa quindi rovinando tutto l’indotto: elettrauto, tappezzieri e meccanici artigiani sempre più tartassati e amareggiati altro che istruire i giovani facendo corsi di professionalizzazione!

Mi sono sentito telefonicamente nei giorni scorsi riguardo ai corsi che si sono tenuti con questo professionista e molti giovani andranno sicuramente all’estero a esortare il loro sapere.

Un paese che non riesce a garantire il lavoro ai giovani è un paese che ha gravissime carenze strutturali, abbiamo tanti, molti forse troppi “Professori del sapere” ma nessun “Professore del fare”.

Se volete sapere che cos’è l’ Associazione dell’ Ing. Negri questo è il link:https://www.michelemoraglio.it/associazione-tutela-patrimonio-motoristico

Share Button