CERTIFICAZIONE AUTO STORICHE L'articolo spiega come certificare la propria auto storica a "norma di legge"

Vuoi che la tua auto sia certificata a norma di legge?

Appena hai iscritto l’auto in uno dei registri o clubs a livello amatoriale sparsi su tutto il territorio nazionale una domanda che ti verrà spontanea sarà quella “Ma la mia auto devo anche certificarla ?”, bene, ti spiego subito la diversità tra certificazione e iscrizione delle auto storiche.

152638-500x375
Targa di omologazione “Registro Fiat”
fiat-500-asi-109172.660x368
Seduta di omologazione vettura
targa_oro
Targa omologazione A.S.I.

Per l’iscrizione della macchina in un Registro di marca oppure in un club amatoriale tu invii all’ atto dell’iscrizione, una serie di foto  dello stato attuale della macchina:3/4 anteriore, 3/4 posteriore, selleria   interna, motore e targhetta riassuntiva del numero di telaio e motore etc, e la tua macchina è regolarmente iscritta, non hai più nulla da fare.

Per la certificazione o l’omologazione la cosa si complica un pochino in quanto dovrai versare al Registro (riconosciuto dallo Stato Italiano) si parla dei Registri di marca citati sul codice della strada art.60) perchè solo loro hanno questa prerogativa, la cifra aggiuntiva e in più compilare un modulo ed è quasi un fascicolo con le foto sopracitate corredato dele caratteristiche tecniche, lo invii al Registro e aspetti che la segreteria del Registro di marca ti invii una lettera con l’appuntamento presso un officina per la cosiddetta “seduta di omologazione” in cui sono presenti commissari esperti per quel tipo di veicolo e di auto.

Spesso questo tipo di sedute raduna circa una decina di auto perchè la macchina viene sempre analizzzata e esaminata in maniera molto scrupolosa e per questo i commissari non tollerano assolutamente modifiche estetiche o modifiche al motore (marmitte maggiorate o rumorose), pena la nullità dell’esame e il responso negativo della seduta.

Se l’esame ha responso positivo dopo un pò di tempo ti verrà inviato il certificato di omologazione da portare nel libretto di circolazione e la targa in ottone lucidato da “esibire” all’esterno dellla vettura che ne attesta l’autenticità nel caso di macchine completamente originali e conservate o il perfetto restauro a regola d’arte.

Adesso la tua auto è certificata.

Per eventuali approfondimenti consultare:http://www.registrofiat.it/,

 

Share Button