CONSIGLI DI ACQUISTO E RESTAURO DELLA FIAT “NUOVA 500” L' ARTICOLO FORNISCE DEI CONSIGLI DI ACQUISTO E RESTAURO DEL MODELLO FIAT "NUOVA 500"

In questo ultimo decennio, e precisamente dal 4 Luglio del 2007 quando, nella serata mondiale di Torino, è stata presentata “Welcome bambina” ovvero la “500” del futuro, è ritornata molto forte nelle persone la passione della “Nuova 500”, la sua antenata, intendo.

In questi dieci anni si è visto raddoppiare i consigli di restauro per la “vecchia” 500.

Tutto questo perchè il popolo ama, e ha nel cuore ancora l’antenata del 1957, dove, in questo blog si è dato lo spazio che merita, ti rinvio al link: https://www.michelemoraglio.it/fiat-nuova-500-made-italy

Perchè tutto il mondo ama ancora la “vecchia” 500?

Semplice, perchè l’hanno guidata tutti: la prima macchina, la patente presa appunto guidandola oppure essere accompagnati all’altare proprio dalla nostra beniamina.

Ci seguiva dappertutto, era come un componente della famiglia,   oggi chi mi chiama per consigli di restauro sento dalla voce una gioia come fosse ritornato un parente dopo tanti anni.

La nota dolente sono i prezzi non di acquisto che sono ancora abbastanza abbordabili ma nella fase della “rimessa in sesto”.

Vengo subito a quello che volevo scrivere in questo articolo: se voi vedete un “Nuova 500” abbandonata con targhe, avete subito risparmiato l’onere di rimmatricolarla, fate soltanto il restauro.

Ma come si presenta la “Nuova 500”?

Se vi imbattete in un modello di “Nuova 500” totalmente da restaurare, anche se l’avete pagato poco analizzate fondi e carrozzeria ed eventualmente andate con il vostro carrozziere di fiducia così si fa un idea del lavoro che andrà a fare.

Se restaurate una Fiat “Nuova 500″cercate di capire su quale modello state “mettendo le mani” in 18 anni il cinquino ha passato diversi modelli e anche diverse modifiche: la “D” e le due versioni “Economica” e “Normale”  per passare alla “F” alla “L” e infine alla “R”.

Certe volte vedo versioni “R” con musetti della “L” oppure con i gocciolatoi del padiglione con le cromature appartenenti soltanto alla versione “Lusso”, oppure macchine totalmente modificate…

Le prime versioni, e parlo della “D” sia Economica e Normale hanno prezzi decisamente alti in virtù del fatto che durante il restauro per acquistare i pezzi danneggiati o rotti gli stessi hanno prezzi molto alti rispetto alle versioni più recenti, se state acquistando una Fiat “Nuova 500” e la state restaurando vi rinvio ai link: http://www.passione500.it

Per capire le varie differenze dei modelli consiglio i libri di Alessandro Sannia, questo è il link:http://www.ilcammello.it

Fiat “Nuova 500” guida al restauro di Alessandro Sannia

 

Il libro di Alessandro Sannia riguardo alla Fiat “Nuova 500”

Se vuoi iscriverti al club che riunisce oltre 20.000 soci sparsi in tutto il mondo ti rinvio al link del Fiat 500 Club Italia di Garlenda (SV), questo è il link: https://www.500clubitalia.it

 

 

Share Button

OMOLOGAZIONE ASI E GLI ALTRI REGISTRI DI MARCA FACCIAMO CHIAREZZA L'ARTICOLO SPIEGA LE DIFFERENZE DELLE VARIE OMOLOGAZIONI

Navigando in internet, molto spesso nei vari forum di auto d’epoca vedo trapelare l’argomento omologazioni.

“Ma se la mia Fiat la faccio omologare dall’ASI e meglio che farla omologare dal Registro Fiat?”

La risposta che ti do, da professionista di settore, è NO!

Molte persone si lasciano “trascinare dalla massa” ma a livello legale SONO PERFETTAMENTE UGUALI.

L’unica differenza che i Registri di marca sono “aperti al pubblico” nel senso che se tu vuoi iscrivere la tua auto vai direttamente in sede con l’ASI assolutamente NO!

L’ ASI, come ho scritto nel mio articolo qui all’interno del blog, se ti interessa approfondire il discorso ti rinvio al link:https://www.michelemoraglio.it/registri-storici-clubs-modello

è una federazione di clubs, quindi tu persona fisica non sei “socio ASI” ma “Tesserato ASI”, i soci dell’ASI sono I Registri di marca più altri clubs di modello che rispettano delle regole inserite nello Statuto Sociale della stessa ASI.

Comunque, non  è questo che a noi interessa ma la “bontà” della stessa omologazione.

Tu mi dirai che i commissari dell’ASI sono preparati sui vari modelli ma io ti ribatto che un commissario tecnico del Registro Fiat o di altri Registri è anch’esso preparato essendo monomarca.

I commissari tecnici nominati ad esempio dal Registro Fiat, spesso, hanno lavorato in catena di montaggio o in officina magari proprio sul modello da omologare quindi sanno per filo e per segno come era costruita la macchina in origine e sono altrettanto severi come l’ASI.

 

Targa omologazione ASI
Targa omologazione “Registro Fiat”

 

 

 

 

 

Come puoi vedere da questa foto l’unica cosa che differenzia le due omologazioni è la targa: l’ASI è ovale più piccola, mentre quella del Registro Fiat è molto più grossa , e forse, da rimodernizzare un pò in quanto questo modello di targa veniva usato anni fa dall’ASI poi abbandonato per optare a una più moderna e più piccola.

Lo stesso procedimento per l’omologazione è identico: compilare una scheda con tutte le caratteristiche del mezzo da certificare poi viene indetta la seduta vera e propria con appuntamento presso un’officina meccanica e se la tua auto d’epoca viene promossa successivamente ti verrà rilasciata la targa da applicare alla vettura.

L’IMPORTANTE E NON PRATICARE FORI PER APPLICARE LA TARGA PERCHE’ SE IL MEZZO HA IL BUCO AUTOMATICAMENTE E’ MODIFICATO!!!

Altra cosa importante non si dice più Omologazione ma “Identità” e sono scomparsi i tre gradi di classificazione.

L’unica cosa che cambia sono le quote: se sei iscitto nei Registri conviene che la certifichi dallo stesso Registro perchè per la certificazione ASI dovresti sborsare altri soldi e poi per avere la stessa cosa e servizio!!! Quindi fai tu.

Per altre informazioni riguardo alle varie attività dell’ASI ti rinvio al link: http://www.asifed.it

 

Share Button

IL BLOG “MICHELEMORAGLIO” A FAVORE DELLA SICUREZZA STRADALE IL BLOG "MICHELEMORAGLIO" E LA CAMPAGNA "THE SATURDAY NIGHT STAY TUNED"

Bella Raga!

 

Lo so, non ti interessa, sei giovane, le raccomandazioni non ti servono ci pensano già i tuoi ma fidati che quello che ti scrivo non è da genitore ma da fratello maggiore perché i genitori non si ascoltano mai…

Alla tua età i tuoi occhi brillano di voglia di vivere, di uscire con gli amici, di divertirsi insieme ma soprattutto trasgredire, insomma di “spaccare tutto”.

Spesso TU hai voglia di trasgredire: fare tardi il sabato notte, lo faccio ancora adesso io, di stare insieme ad amici e conoscenti.

Ricordati che si può trasgredire in modi diversi, la tua trasgressione non può essere lesiva prima al prossimo e poi a te.

Quando esci per andare a ballare assicurati che ci sia un tuo amico non bevitore o, perlomeno quella sera che non beva, fate una macchina in quattro e poi all’uscita non partire subito aspetta che l’ udito non abbia il cosiddetto fruscio, non avere fretta di ritornare a casa ma almeno ritorna in sicurezza.

TU, prima di “trasgredire” pensa non a te ma alla gente che ti sta intorno: ai tuoi amici, alla tua famiglia, alla tua fidanzata o fidanzato: vederti su una barella di ospedale non fa piacere a nessuno, o addirittura rimanere invalido, stravolgeresti la vita di tutte queste persone: moriresti tu ma morirebbero dentro anche loro …PER SEMPRE !!!

“Ma non mi è mai successo niente!” questa sarebbe la tua risposta e sai cosa ti dico? Basta una fottutissima volta, un evento che ti cambierebbe la vita per sempre.

Quando sali in macchina con i tuoi amici assicurati sempre di allacciare le cinture di sicurezza ANTERIORI e POSTERIORI, di non scambiarvi messaggi o post da smartphone , parlate tra voi, tenetevi svegli, mentre si è alla guida bisogna prestare attenzione!

FAI IL BULLO, INCAZZATI SE NECESSARIO con i tuoi amici se non osservano queste cose, potresti, inconsciamente, salvargli le vite.

Durante il tragitto osserva i limiti di velocità, le condizioni stradali, le precedenze: non avere fretta ormai è già mattina ma i tuoi genitori  sono più contenti che ritorni a casa che non ritorni proprio…

In motorino o moto prima di partire assicurati che il casco sia ben allacciato, e ricordati il casco non deve essere bello deve essere utile e sicuro, al momento dell’acquisto indossalo e vedi se ti calza bene, basta che con la mano nella parte posteriore vedi se riesci a sfilarlo se è così prendine uno che non si scalzi!

Guarda se compare la TARGHETTA DI OMOLOGAZIONE  e DIFFIDA DA CASCHI A POCO PREZZO!

Non alterare le caratteristiche tecniche con elaborazioni varie

In moto non gareggiare per strada per questo ci sono le piste apposite.

Non fare il “figo” con le forze dell’ordine: loro sono li per TE, per tutelare la  sicurezza, se ti fermano non essere scortese, anche loro sono padri o madri di famiglia magari con figli e poi non sono così contenti di prestare il loro servizio il sabato notte quando il 90% della gente è a casa o si diverte, devi essere comprensivo e collaborativo qualunque cosa ti richiedano dai documenti di circolazione o la prova dell’etilometro.

Quindi non rischiare pensaci prima!!!

 

THE SATURDAY NIGHT STAY TUNED

Share Button