CERTIFICATO RILEVANZA STORICA E COLLEZIONISTICA L'articolo spiega cos'è questo tipo di certificato e dove si può richiedere

Il D.M. del 2010 ha stabilito che i veicoli per “fregiarsi” della dicitura di “interesse storico e collezionistico”serve il certificato di rilevanza storica e collezionistica,  mentre, in passato bastava soltanto l’iscrizione.

La sua utilità, rispetto al Certificato sostitutivo delle caratteristiche tecniche, questo si chiamava prima del suddetto Decreto ministeriale, è valido ai fini della circolazione stradale e, si possono riammettere alla circolazione i veicoli cancellati dal PRA, sia d’ufficio che per avvenuta demolizione, quelli di provenienza sconosciuta e poter “importare” quelli dall’estero dandole una nuova targa ma sempre con l’anno di costruzione, tale certificato è più completo e più ampio rispetto al suo predecessore.

Per ottenere il certificato bisogna telefonare o recarsi presso il Club di appartenenza che rinvierà tutto a un club riconosciuto dal codice della strada (Italiano Fiat, Lancia club, Storico Alfa Romeo, ASI, FMI per le moto).

Nel dettaglio il Certificato di Rilevanza storica si compone di diverse sezioni tra le quali ci sono i dati possessore del veicolo, i dati di immatricolazione o di produzione seguono poi i dati generali del veicolo: anno di costruzione, tipo del veicolo, categoria (Art.47C.d.S.).

Successivamente i dati identificativi del veicolo: numero del telaio, la sua posizione se è riprodotto o meno, targhetta identificativa.

I dati tecnici del veicolo: motore e tipo, trasmissione, freni, masse e dimensioni, pneumatici e sospensioni, carrozzeria e numero posti.

Un paragrafo del certificato è dedicato al dispositivo e silenziatore, se originale e conforme alla legge.

Viene richiesta anche se sono presenti organi di traino e se sono conformi alla legge i vari dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione.

Viene dato spazio alle foto prima del restauro (eventuale) e dopo alcune foto tre quarti anteriore e posteriore, selleria interna, foto della targhetta riassuntiva e del numero del telaio e le dichiarazioni acquisite, quindi officina o carrozzeria che hanno effettuato interventi riparativi della macchina e tutto ciò che serve per avere la macchina in regola per circolare.



20160901_184441
Certificato Rilevanza Registro Fiat
20160901_184509
Interno del certificato

 

 

Share Button